In questo articolo scoprirai i migliori integratori per trattare la fibromialgia.

La fibromialgia (FM) è una condizione che causa nel soggetto stanchezza, spossatezza, e dolore muscoloscheletrico. Ad oggi, non è ancora chiara la reale causa di questa patologia, tuttavia ci sono alcuni fattori che possono contribuire a sviluppare la fibromialgia, e sono.

  • Forte stress fisico o psicologico
  • infortuni
  • traumi fisici
  • presenza di altre malattie

Molti soggetti affetti da fibromialgia possono presentare anche lievi stati di depressione, dolore alla testa e apatia.

Fino a poco tempo fa la fibromialgia era una condizione che veniva diagnosticata inseguito alla palpazione di 18 punti specifici del corpo, conosciuti anche come tender points.

Più questi punti facevano male durante la pressione, e maggiore era la possibilità che il soggetto potesse soffrire di fibromialgia.

Ad oggi, il fattore primario per una diagnosi di fibromialgia richiede che il soggetto presenti un dolore diffuso in tutto il corpo per almeno 90 giorni.

Per poter fare correttamente una diagnosi di fibromialgia occorre che la persona provi dolore almeno in 4 di questi 5 distretti corporei:

  • Zona superiore sinistra: spalla, braccio o mascella
  • Zona superiore destra: spalla, braccio o mascella
  • Zona inferiore sinistra: fianchi, glutei o gambe
  • Zona inferiore destra: fianchi cosce o glutei
  • Zona assiale: collo, cervicale, schiena o torace

Migliori integratori per la fibromialgia

Un buon integratore per la fibromialgia deve essere in grado di ridurre il dolore cronico, l’infiammazione, e la stanchezza generale dell’organismo.

Magnesio supremo e fibromialgia

Il magnesio è un minerale che si trova in moltissimi alimenti, come cioccolato fondente, verdura a foglia verde, e semi di zucca. In condizioni di forte stress psico-fisico l’organismo richiede un maggior apporto di magnesio.

In certi casi, la dieta da sola non basta per colmare una richiesta maggiore di questo minerale, perciò si consiglia di utilizzare un integratore di magnesio.

Una ricerca ha scoperto che le donne con fibromialgia presentano livelli insufficienti di questo minerale. In base a questi risultati, un’altra ricerca ha scoperto che l’utilizzo di 400 mg di magnesio al giorno per una durata di due mesi ha portato ad una netta riduzione dei sintomi della fibromialgia.

Olio di pesce

L’olio di pesce è un integratore molto ricco di acidi grassi omega 3 e vitamina D. Gli omega 3 sono dei nutrienti che riducono il dolore cronico associato alla fibromialgia grazie alle loro proprietà antinfiammatorie.

Uno studio del 2013 ha rilevato che i soggetti con fibromialgia presentano una forte carenza di vitamina D. Inoltre, l’assunzione di questa vitamina riduce drasticamente la stanchezza nelle persone con questa condizione.

Melatonina

La melatonina è un ormone naturale prodotto dalla ghiandola pineale. Questo ormone serve a regolare i cicli del sonno. Un carenza di questo ormone può favorire l’insonnia, risvegli ripetuti o altri problemi legati al sonno.

I soggetti con fibromialgia presentano livelli più bassi di melatonina. Due sintomi molto comuni nei pazienti con fibromialgia sono la stanchezza e un sonno poco ristoratore. L’utilizzo di prodotti a base di melatonina possono aiutare a ridurre questi sintomi, e migliorare indirettamente i sintomi associati alla fibromialgia.

Altre strategie naturali per trattare la fibromialgia

Oltre all’utilizzo di specifici integratori alimentari, ci sono altre strategie comportamentali e dietetiche che puoi attuare per ridurre la sintomatologia associata alla fibromialgia.

Pratica lo yoga: Studi scientifici hanno rilevato che i soggetti con fibromialgia che partecipavano a lezioni di yoga riportavano un aumento di energia e ad una riduzione del dolore.

Dovresti includere nella tua routine, respirazioni diaframmatiche, esercizi di stretching e piccole sessioni di meditazione.

Lo yoga migliora l’equilibrio, la forza muscolare e aiuta a rilassare tutta la muscolatura del corpo.

Fai esercizio fisico: Non fare sollevamento pesi o corse troppo intense, poiché queste attività aumentano l’infiammazione del corpo, e il dolore articolare. Pratica attività rilassanti, come una leggera corsetta o camminate a passo svelto.

Non fumare e non bere alcolici

Segui una dieta ricca di cibi antinfiammatori e antiossidanti, come la frutta, la verdura, i semi, la frutta secca, i cereali integrali, il pesce e i legumi. Durante la giornata consuma anche i succhi verdi, molto ricchi di enzimi, minerali e vitamine.

Domande più frequenti

La fibromialgia può essere curata?

Ad oggi non esiste nessuna cura per questa patologia, tuttavia alcuni integratori e tecniche rilassanti possono aiutare a ridurre notevolmente il dolore e la stanchezza che caratterizzano questa condizione.

Quali sostanze o alimenti possono peggiorare la sintomatologia di questa condizione?

  • Glutine.
  • Carne rossa.
  • Frutta e verdura della famiglia della belladonna, come pomodori, patate bianche, peperoni verdi e bacche di goji .
  • Latticini.
  • Uova.
  • Caffeina.
  • Cibi confezionati
  • Alcolici
  • Bibite gassate
Cosa prova un paziente con la  fibromialgia?
La gravità della sintomatologia varia da persona a persone, tuttavia ci sono alcuni punti in comune, come la presenza di dolore diffuso e una sensazione costante di stanchezza, anche la mattina appena svegli.
Quali sono le migliori vitamine ed integratori per trattare la fibromialgia?
  • Magnesio
  • Melatonina 
  • Olio di pesce
 

Iscriviti alla newsletter

Lascia la tua email e scopri di quali integratori alimentari hai bisogno!

Consenso trattamento dati

Grazie per l'iscrizione!

Pin It on Pinterest

Share This

CONDIVIDI IL POST SUI SOCIAL

Condividi l'articolo con i tuoi amici!